Lavorazioni

Fatte secondo il metodo biologico

Lavoro in vigna

Solo trattamenti naturali

Utilizziamo solo trattamenti biologici con basse dosi di rame e zolfo e l'uso di concimazioni naturali secondo le antiche tradizioni contadine. Tra un filare e l'altro seminiamo grano, orzo e fave al fine di fornire sostanze organiche nutritive al terreno.

ENTRA IN VIGNA

Lavoro in cantina

La vinificazione

In quelle che una volta erano le vecchie stalle per il riparo degli animali, poste sotto l'agriturismo, oggi abbiamo realizzato la cantina e lì vinifichiamo le uve . Il nostro vino matura nelle botti di rovere per acquisire quei tipici profumi famosi in tutto il mondo.

VAI IN CANTINA

Conservazione del vino

Fatta nella massima cura

Tutte le bottiglie vengono imbottigliate in azienda , una ad una, e a loro volta etichettate a mano per poi essere stoccate in azienda, pronte arrivare sulle tavole dei nostri clienti.

SCOPRI LA CONSERVAVIONE

La Vigna del Cocco

Da origini lontane...

La Vigna del Cocco esisteva già nel 1765 quando fu promulgato il Catasto Leopoldino. Da allora la vigna del Cocco è rimasta lì dove i mezzadri l'avevano piantata. Attualmente tre ettari di vigneto coltivati con metodo biologico, senza diserbanti e concimi chimici producono il nostro vino.

Le nostre vigne

Con una esposizione ideale

A 600 metri di altitudine le nostre vigne godono di un clima più unico che raro. A circa 3 km di distanza dal colle di Montalcino, hanno una favorevole esposizione a sud-est, e sono battute da venti di scirocco e tramontana che facilitano un microclima avverso alla proliferazione di malattie dannose per le uve.

Lavoro in vigna

Lo facciamo con scrupolo e attenzione

Durante tutto il ciclo biologico, le piante di vite, sono assistite con costanza e le uve al momento della raccolta sono attentamente selezionate cosicché, anche nelle annate più difficili, le uve destinate al brunello siano di ottima qualità.

La Fermentazione

Il mosto acquisisce il colore tipico rubino scuro

La fermentazione viene svolta in vasche di acciaio per un periodo di almeno quindici giorni, durante il quale il mosto acquisisce il colore tipico rubino scuro. Ne esce un vino carico di sapori e odori, pronto per intraprendere il suo percorso di maturazione.

Il riposo nelle botti

Il vino prende forma e carattere

Una volta terminato il processo di fermentazione il vino viene posto in botti di rovere, provenienti dalla Francia e dalla Transilvania, dove inizia il suo invecchiamento, nel caso del Brunello di Montalcino per circa tre anni. Ne uscirà un vino carico di sapori e profumato.

L'imbottigliamento

Per dare eleganza e stabilità

Terminato la maturazione del vino in botte, che garantisce l'apporto di sapori terziari quali la vaniglia e il tabacco, si effettua l'imbottigliamento in bordolesi da 0,750 lt., le quali "finiscono" il vino, garantendone eleganza e stabilità nel tempo.

L'invecchiamento

In botti di rovere

Terminata la fermentazione alcolica, il mosto diventa a tutti gli effetti vino, ma necessita ancora di riposare in botte per armonizzare ed equilibrare gli aromi, e per essere pronto per l'imbottigliamento.

L'affinamento in bottiglia

Nelle bordolesi da 0,75 cl

Il processo di maturazione si conclude con l'imbottigliamento in bordolesi da 0,750 litri, le quali "finiscono" il vino, garantendone eleganza e stabilità nel tempo. Qui il vino trova un suo nuovo equilibrio, che va da un minimo di 3 mesi ad un massimo di sei mesi dopo l’imbottigliamento.

La conservazione del vino

Determinanti sono i fattori ambientali

Tutte le bottiglie vengono imbottigliate in azienda, una ad una, e a loro volta etichettate a mano per poi essere stoccate in azienda. Determinanti risultano le modalità di conservazione anche dopo l'imbottigliamento: il controllo dell’umidità, della temperatura, e della luce.

Richiesta informazioni
Vuoi informazioni sull'azienda? clicca per chiamare oppure inviaci la tua richiesta compilando il modulo
wine@ilcocco.it




 
 
Prenoa una camera